Quali sono i fattori nella cura dell’obesità, che favoriscono una maggiore aderenza o un ostacolo ai programmi di cambiamento dello stile di vita?

 

 

Di fronte all’inarrestabile epidemia di obesità che ormai colpisce il 13% della popolazione mondiale, le linee guida internazionali concordano che la strategia di cura più efficace per tale patologia è l’intervento sullo stile di vita.

Una recente review, ha analizzato i fattori che sembrano favorire una maggiore aderenza ai programmi di cambiamento dello stile di vita nella cura dell’obesità e i possibili ostacoli.

I fattori che favoriscono l’aderenza al trattamento sono: avere aspettative più realistiche sulla perdita di peso (da stabilire all’inizio del percorso insieme al curante), una maggiore perdita di peso nelle fasi iniziali del trattamento e un miglior tono dell’umore.

Diverse sono le cause che ostacolano la corretta partecipazione a programmi per il cambiamento dello stile di vita. Partendo da oltre 500 articoli analizzati, Burgess e collaboratori hanno riscontrato le seguenti barriere al cambiamento:

  • Bassi livelli di conoscenza e consapevolezza
  • Una scarsa motivazione e un carente livello di divertimento provato durante il percorso di cura
  • La carenza di tempo, o comunque una bassa capacità organizzativa o nella gestione delle proprie      priorità personali
  • Determinanti ambientali o sociali (orari lavorativi, tempi di spostamento) e un supporto familiare e sociale scarso
  • Limitazioni fisiche, con l’instaurarsi di un pericoloso circolo vizioso in cui l’inabilità determina aumento di peso che a sua volta peggiora l’inabilità
  • Stati d’animo negativi con alti livelli di ansia, stress, solitudine, noia, frustrazione, insoddisfazione e tristezza
  • La presenza di un genitore o un partner affetto da obesità
  • L’essere fumatori
  • La giovane età al momento del primo intervento
  • Un ambiente familiare e sociale ipercritico e demotivante
  • Elevati livelli di imbarazzo rispetto al mettersi in gioco e allo svolgimento di un’attività fisica o di altre attività

È possibile intervenire su ognuno di questi fattori attraverso interventi educativi precoci e strutturati, come l’Educazione Terapeutica (riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità), in grado di guidare le persone verso obiettivi che pongano l’attenzione non solo sul peso, ma soprattutto sulla Qualità di Vita.

I pazienti che intraprendono un percorso di modifica dello stile di vita guidato, sono più predisposti al cambiamento, raggiungono livelli elevati di motivazione e autoefficacia, diventano più resistenti alle pressioni e agli ostacoli che continuamente minano il percorso terapeutico.

 

Dott. Enrico Prosperi - Medico Chirurgo Specialista in Psicologia Clinica

 

Dott.ssa Mary Frances Calabria - Medico Chirurgo

 

© 2018

 

Bibliografia

Burgess E, Hassmén P,Pumpa KL, Determinants of adherence to lifestyle intervention in adults with obesity: a systematic review, 2017, Clin Obes. Jun;7(3):123-135

 

Clinical practice guidelines for the management of overweight and obesity in adults, adolescents and children in Australia. Australian Government, National Health and Medical Research Council, 2013

 

Jensen MD, Ryan DH, Apovian CM, Ard JD, Comuzzie AG, Donato KA, Hu FB, Hubbard VS, Jakicic JM, Kushner RF, Loria CM, Millen BE, Nonas CA, Pi-Sunyer FX, Stevens J, Stevens VJ, Wadden TA, Wolfe BM, Yanovski SZ, Jordan HS, Kendall KA, Lux LJ, Mentor-Marcel R, Morgan LC, Trisolini MG, Wnek J, Anderson JL, Halperin JL, Albert NM, Bozkurt B, Brindis RG, Curtis LH, DeMets D, Hochman JS, Kovacs RJ, Ohman EM, Pressler SJ, Sellke FW, Shen WK, Smith SC Jr, Tomaselli GF; American College of Cardiology/American Heart Association Task Force on Practice Guidelines; Obesity Society. 2013 AHA/ACC/TOS guideline for the management of overweight and obesity in adults: a report of the American College of Cardiology/American Heart Association Task Force on Practice Guidelines and The Obesity Society. Circulation. 2014 Jun 24;129(25 Suppl 2):S102-38