• Cancrini ha elaborato una tipologia delle situazioni in cui si determina la tossicomania utilizzando come riferimento la teoria della nevrosi di Freud integrata da un approccio sistemico relazionale. La tossicomania viene considerata come un disturbo non specifico che si mette a disposizione dei conflitti interpersonali e intrapsichici più diversi
  • Malagoli Togliatti sottolinea che il sintomo può essere visto come un segnale della difficoltà della famiglia ad affrontare uno stadio critico del suo ciclo vitale;scopo della terapia diventa quindi aiutare la persona 'sintomatica' e la famiglia nel processo di riorganizzazione e di cambiamento per 'sbloccare' l'evoluzione del ciclo vitale. Stanton e Todd considerano il comportamento tossico...
  • Negli ultimi decenni, contemporaneamente alla grande diffusione dei disturbi da abuso di sostanze, sono stati condotti, in ambito sistemico-relazionale, studi e ricerche rivolti a famiglie che presentano un membro tossicodipendente; in quest'ambito la tossicomania è stata considerata non solo come espressione di un disturbo isolato della personalità dell'adolescente e del giovane adulto, ma ...
  • Bowlby, analista inglese di originaria formazione kleiniana, intorno agli anni '50 iniziò ad elaborare un quadro teorico di riferimento che si avvale di numerosi e rilevanti contributi tratti da altre discipline, ma prende origine e può essere collocata in ambito psicoanalitico come teoria dei rapporti interpersonali all'interno della teoria delle relazioni oggettuali; l'elaborazione teorica ...
  • Bergeret sottolinea che il tossicomane ha sofferto nel corso del suo sviluppo di delusioni precoci, continue e ripetute, nelle sue relazioni primitive fondamentali; secondo questo Autore la tossicomania ha una funzione difensiva e di pseudo-regolazione rispetto ad una struttura psichica patologica sottostante.