Bowlby fa riferimento alla distinzione introdotta nel 1972 da Tulving nel suo lavoro Episodic and Semantic memory tra memoria episodica e memoria semantica.

 Bowlby (1980) fa riferimento alla distinzione introdotta nel 1972 da Tulving nel suo lavoro Episodic and Semantic memory tra memoria episodica, che accoglie l'informazione immagazzinandola in sequenza temporale e mette gli eventi in relazione spazio-temporale, e memoria semantica, in cui l'informazione ha la forma di enunciati generalizzati derivati dall'esperienza personale di un individuo o da quanto egli ha appreso da altri o da qualche combinazione delle due cose, che determina una conoscenza generale che viene astratta dal contesto sotto forma di parole, formule, concetti, regole; qualora le informazioni siano soggette ad esclusione difensiva può svilupparsi un modello operativo scisso (con più di un sistema Sé) per cui, in persone nelle quali:


i Sistemi Principali non siano unificati (…) mentre un sistema può avere un pronto accesso all'informazione conservata in un tipo di magazzino senza poter accedere all'informazione conservata in un altro, può darsi che un altro Sistema Principale abbia -o non abbia- accesso a un'informazione che sotto molti aspetti è complementare alla precedente. I due sistemi in questo caso differirebbero per ciò che concerne la rispettiva percezione, nonché l'interpretazione e la valutazione degli eventi effettuata da ciascuno di essi; ed è esattamente questo ciò che talora incontriamo nella clinica: I sistemi possono essere definiti come segregati, nella misura in cui la comunicazione tra loro è limitata (Bowlby, 1980, p. 83-84).

 

 

                           BIBLIOGRAFIA:

 

 

--Bowlby J. (1980) Attachment and Loss, vol. 3: Loss, sadness and depression, Basic Book, New York, (trad. it.: Attaccamento e perdita, vol. 3: La perdita della madre, Bollati Boringhieri, Torino, 1983);



                              Massimo Guido
                      Medico Psichiatra Az. U.S.L. Roma F
                      Psicologo Clinico
                      Psicoanalista Società Psicoanalitica italiana 


© 2012