Sembra che mangiare di notte oltre a non fare bene alla linea e alla salute causi anche...

Sembra che mangiare di notte oltre a non fare bene alla linea ed alla salute causi anche problemi di memoria. A dircelo è il Dr. Dawn Loh, dell’università di Los Angeles, che ha di recente pubblicato i risultati di una ricerca sulla rivista e-Life http://elifesciences.org/content/4/e09460v2

Lo studio è stato effettuato su i topi ma da quanto afferma Loh potrebbe essere replicato anche sugli esseri umani.

I topi abitualmente si nutrono di notte e dormono di giorno. I ricercatori hanno diviso i roditori in due gruppi, il primo gruppo è stato lasciato libero di alimentarsi secondo le proprie abitudini, il secondo gruppo, invece, è stato alimentato esclusivamente nella fascia diurna. Entrambi i gruppi sono stati quindi sottoposti ad un lieve shock elettrico in un nuovo ambiente. Il giorno successivo i topi sono stati nuovamente portati nel luogo della scossa e si è osservato che coloro che si erano alimentati di notte mostravano risposte di paura, rivelatrici dell’aver conservato il ricordo dell’esperienza negativa precedentemente subita, i roditori che invece si erano alimentati di giorno non mostravano nessuna reazione di paura, come se non avessero alcuna memoria di quanto accaduto il giorno precedente.

Si ipotizza quindi che obbligare l’organismo a digerire durante le ore deputate al riposo influisca negativamente sull’ippocampo, la centralina dei ricordi, mandandolo in black out.

 

Dott.ssa Elisa Bonanni

Psicologo

Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale