In conclusione, il modello interpretativo del disturbo da uso di sostanze, che emerge dagli studi riportati precedentemente ed anche dai dati derivanti dal limitato campione da noi esaminato, considera la tossicodipendenza e la sintomatologia associata osservata come espressione di una sottostante vulnerabilità nelle capacità adattive e di regolazione del Sé.
 Indagine preliminare sugli stili di attaccamento- Discussione e conclusioni- parte quarta

 

Discussione e conclusioni.

 

In conclusione, il modello interpretativo del disturbo da uso di sostanze, che emerge dagli studi riportati precedentemente ed anche dai dati derivanti dal limitato campione da noi esaminato, considera la tossicodipendenza e la sintomatologia associata osservata come espressione di una sottostante vulnerabilità nelle capacità adattive e di regolazione del Sé; l'abuso di sostanze rifletterebbe quindi il tentativo illusorio del soggetto di affrontare una disregolazione affettiva mediante una “automedicazione”, una sorta di strategia pseudo-regolativa; in questo modo il soggetto ricercherebbe una sensazione di 'appartenenza' e di identità al posto dell'alienazione e dell'isolamento avvertiti profondamente assieme alla confusione e ad una sensazione di incompetenza.
Successive ricerche, condotte su campioni più ampi e rappresentativi di soggetti dipendenti da sostanze d'abuso, potrebbero approfondire la relazione esistente tra modelli operativi interni e sistemi regolativi degli affetti; attraverso l'utilizzo di questionari, oltre che dell' A.A.I., potrebbero essere raccolti dati che permettano di inferire sulla rappresentazione del Sé e degli altri e sulla competenza relazionale dei soggetti in studio ed inoltre su come vengano percepiti i soggetti stessi da parte del gruppo dei pari.
Un ulteriore campo di approfondimento potrebbe riguardare il contesto familiare per esplorare le funzioni individuali di regolazione del Sé in relazione alla struttura ed al funzionamento della famiglia ed eventuali specifiche caratteristiche riguardo ai sistemi regolativi degli affetti.
                  
                        

                         Massimo Guido 
        Medico Psichiatra Az. USL Roma F 
        P
sicologo Clinico 
        P
sicoanalista Società Psicoanalitica italiana

 

 

© 2013