Si è svolta a Roma la Prima Giornata Mondiale sui Disturbi Alimentari organizzata dalla SISDCA

Da oggi, il 2 Giugno oltre ad essere la Festa della Repubblica sarà un momento di profonda riflessione su una delle tematiche più critiche della sanità, i Disturbi Alimentari.

Presso l’Orto Botanico di Roma si è svolta la Prima Giornata Mondiale sui Disturbi Alimentari, promossa dall’Academy of Eating Disorders ed organizzata in Italia dalla Società Italiana per lo studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare (SISDCA). La giornata è nata con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica e le Istituzioni a comprendere meglio malattie complesse ma curabili, come l’ Anoressia e la Bulimia Nervosa, il Disturbo da Alimentazione Incontrollata e l’Obesità. Queste necessitano di reti assistenziali in grado di prendersi cura dei pazienti e dei loro familiari e di equipe interdisciplinari.  

La giornata, condotta da Giancarlo Magalli, ha visto succedersi diversi specialisti del settore che hanno raccontato le criticità che affrontano quotidianamente gli operatori sanitari, i pazienti e i loro familiari con queste patologie: la sottovalutazione di malattie che rappresentano la seconda causa di morte nelle adolescenti dopo gli incidenti stradali, l’insufficienza di strutture per la presa in carico dei pazienti, la spettacolarizzazione mediatica e l’eccessiva semplificazione tra i non addetti ai lavori o i professionisti non esperti di disturbi alimentari.

È stata data voce anche a diverse associazioni di familiari che si occupano di Disturbi del Comportamento Alimentare, a delle pazienti che hanno raccontato le loro personali esperienze e a rappresentanti delle Istituzioni.

Una voce apparentemente fuori dal coro, ma che ha suscitato emozioni e piacevoli ricordi, è stata quella del più importante paroliere della musica italiana, Giulio Rapetti, in arte Mogol, che ha manifestato il suo interesse per una tematica molto presente in Italia, l’obesità in età evolutiva, e ha esortato le istituzioni ad investire sull’educazione alla vita (costruzione di relazioni interpersonali positive, corretta alimentazione, maggiore attività motoria, ecc.).

 

Dott. Enrico Prosperi

Medico-Chirurgo

Specialista in Psicologia Clinica

Presidente della Sezione Lazio SISDCA

© 2016