Una porzione considerevole di popolazione sta diventando sempre più sovrappeso, con la complicità delle abitudini nutrizionali sbagliate, sedentarietà e la possibilità di mettere ogni emozione nel cibo, che nella nostra società è sempre disponibile in grandi quantità.

Cibi Evitati e Peso Ragionevole


Una dieta salutare e bilanciata non è una dieta restrittiva, ne in qualità ne in quantità di cibo. Ogni cibo gradito va inserito, con una frequenza e in quantità ragionevoli. Evitare completamente i cibi favoriti ci mette di cattivo umore e ci fa sentire frustrati, con il risultato di perderne il controllo ogni volta che li incontriamo. Tale comportamento ci farà poi sentire colpevoli, questo ci farà evitare ulteriormente tali cibi fino al prossimo sbaglio, e così via.
Abbiamo parlato di peso ragionevole e di attività fisica regolare, ma cosa significano esattamente?
Un peso ragionevole non è minimamente quello che vediamo in TV e tra le pagine patinate delle riviste di moda, non è nulla di simile!
Un peso ragionevole è quello che va da un indice di massa corporea (BMI) di 18.5 ad uno di 25.00. Si può calcolare il proprio indice di massa corporea usando la formula kg\ (h)2. (peso espresso in kg diviso l’altezza espressa in metri ed elevata alla seconda). Dato questo indice possiamo dire che una persona alta 1.70 m, ha un peso normale tra i 54 e i 74 kg. Nella società occidentale noi assistiamo ad uno strano fenomeno: la gente è sempre più spaccata tra coloro che aderiscono ai molti “must” che il mondo dei media impone e coloro i quali sono il più lontano possibile da essi. Una porzione considerevole di popolazione sta diventando sempre più sovrappeso, con la complicità delle abitudini nutrizionali sbagliate, sedentarietà e la possibilità di mettere ogni emozione nel cibo, che nella nostra società è sempre disponibile in grandi quantità.
Negli ultimi 10 anni, ogni film romantico ha una scena in cui la protagonista femminile annega le pene d’amor perduto in una montagna di cibo spazzatura.

Attività Fisica Strutturata e Furtiva

L’esercizio fisico che una persona può fare durante la propria giornata può essere diviso in due modalità:

Esercizio strutturato.

Stile di vita attivo.

Questi due tipi di esercizio hanno differenti obiettivi e significati, ma sono entrambi utili ed efficaci.

Esercizio strutturato.

Questo tipo di allenamento può produrre un aumento della forza, potenza e resistenza muscolare, che variano a seconda dello specifico programma di allenamento e delle caratteristiche costituzionali di ciascuno.
Se si costruiscono i muscoli e se ne migliora il tono, si può incrementare il livello metabolico.
Un miglior livello metabolico promuove una perdita di peso più efficace ed efficente.
L’esercizio fisico promuove nella composizione corporea:

  • Un decremento della massa grassa totale

  • Un incremento della massa magra totale

  • Una diminuzione del peso corporeo.

Queste modificazioni possono essere spiegate come segue:

  • Uno sviluppo muscolare produce un incremento della massa magra totale e un conseguente aumento del metabolismo.

  • Un incremento del dispendio calorico giornaliero come conseguenza del lavoro fatto dall’attività muscolare.

Coloro i quali svolgono attività fisica regolarmente durante un periodo di perdita ponderale, non registrano una perdita di massa magra. Quindi la perdita ponderale è tutta a carico della massa grassa.

Stile di vita attivo.

Uno stile di vita attivo, come per esempio fare due passi a piedi ogni volta che è possibile o prendere le scale al posto dell’ascensore, è efficace tanto quanto l’esercizio strutturato nell’incrementare l’attività fisica, migliorare l’attività cardiaca e respiratoria e la pressione sanguigna.
Impegnarsi in entrambe queste attività può essere un pò difficile, soprattutto dal punto di vista emotivo. Le esperienze negative pregresse possono rappresentare dei grossi ostacoli per un programma di attività fisica regolare.
La relazione tra obesità e pregiudizi sociali è molto ben conosciuta e lascia un senso di vergogna per sè e il proprio corpo.

 

Avoided Foods & Reasonable Weight

A healthy and balanced diet is not a restrictive one, nor in quantity or in quality of food. Every favorite food has to be included, in a reasonable quantity and frequency. Completely avoiding favorite foods will put us in a bad mood and we will become frustrated with the result of losing control on the intake of these very foods whenever we’ll have to face them, an so this behavior will make us feeling guilty, guilt will make us avoiding these foods for a while, until the next lapse happens and so on!
I used the terms reasonable weight and regular physical activity, but what do they mean, exactly?
A reasonable weight is not the one we see everyday in TV shows and on the glossy pages of magazines, no it’s nothing like that at all!
A reasonable weight is a weight between a Body Mass Index (BMI) of 18.5 and 25. You can calculate your own BMI using the formula KG/(h)
2. Given this index we can state that a person, whose height is 170 cm, is normal weight when its weight is between 54 and 74 Kg.
In the western society we witness a strange phenomenon: the population is more and more splitting between those who can stick to the many “must” the media world imposes and those who are as far from them as possible. A considerable portion of the population is getting fatter and fatter, with the complicity of wrong nutritional habits, sedentariness and the possibility to put every emotion into food, that in our society is always available and in great quantity.
In the last 10 years every romantic movie has a scene where the female main character drown her sorrow for the lost love in a mountain of junk food.

Structured Exercise and General Activity

The physical exercise a person can make during his or her day can be divided in two kinds:

Structured Exercise

General Activity

These two kinds of exercise have different goals and meanings, but they are both useful and effective.

Structured Exercise

This kind of training can produce an improvement in muscular strength, power and resilience, which amount varies depending on the program specificity of your training and on individual constitutional characteristics.
If you built muscle and improve muscle tone, you may increase your metabolic rate. Higher metabolic rates promote more effective and efficient weight loss.

Exercise promotes in body composition:

  1. a decreasing the total fat body mass

  2. a development of lean body mass

  3. a decreasing in the total body weight

These modifications can be explained by:

  • A muscular development that produces an increase in lean body mass and so also an increase of the metabolic rate

  • An increased daily caloric expenditure as a consequence of the work made by muscle activity

Those who regularly exercise during a weight loss period didn’t register a reduction in lean body mass and weight loss was only on fat mass.

General Activity:

Lifestyle physical activity -- such as taking a brisk walk around the block, raking leaves and taking the stairs instead of an elevator -- is as effective as a structured exercise program in improving physical activity, heart and respiratory fitness and blood pressure.
To commit oneself to both these kind of physical activity there may be a few difficulties, especially those of the emotional kind. Previous negative experiences can result in heavy barriers towards a regular physical activity program. The relation between obesity and social prejudice are well known and leave a sense of shame and self-consciousness for ones body.

Dr.ssa Simonetta Migliorini e Dr.ssa Linda Degli Esposti
1° Conferenza Europea Salute e Benessere dei Giovani - Roma 16-18 Giugno 2010
Conference Preview: I Giovani Protagonisti del Loro Benessere
Eating disorders and concerns about corporeal body image in youth population.