parte X

 ANGELO, 27 anni (A)


Intervistatore ( I ): dott. Massimo Guido

 

 

I: quando era malato da bambino ricorda cosa succedeva?

A: mi ricordo che tutti quanti mi stavano intorno...sò un po' un tipo un po' lagnoso eh che me lagno un po' e su questo ho preso da mia madre che pure lei è un po'...mio padre invece stava zitto fino all'ultimo...fino all'ultimo momento quando non ce vedeva più stava pe morì...l'ultima poi è stata su de me...sta attento ad Angelo

I: ha detto a sua madre?

A: si

I: e suo padre come si comportava quando lei era malato?

A: e proprio...cioè...mi ricordo un fatto...c'avrò avuto...sette anni...la camera da letto c'aveva la...porta...io c'ero entrato e m'ero chiuso...perchè io hai capito...mi nascondevo sotto i comodini mi cercavano dentro casa facevo scherzetti...ero un po' scher...insomma vabbè scherzetti...e m'ero chiuso dentro casa e ce stava la finestra insomma era alta...insomma era così io sarò stato così piccoletto così...però hai capito tutti quanti mia madre...mio padre era terrorizzato hai capito come che io...mia madre invece...e allora hai capito ad un certo punto tutti quanti...dicevano passa la chiave sotto...e non era possibile perchè non riusciva a passà sotto...e allora mio padre ad un certo punto sai che ha fatto sai che me ne frega...vattene dal falegname va ha preso la rincorsa e ha spaccato la porta...e l'ha aperta così...non glien'è fregato niente eh...ha detto vattene dal falegname va che...non gliene importava niente a lui eh...

I: si ricorda quando è stata la prima volta che si è separato dai suoi genitori?

A: in che senso separato? ah che non so più andato a mare con mia madre invece con gli amici?

I: ecco per esempio...come ha reagito sua madre e come ha reagito lei?

A: non me la ricordo sta cosa non me la ricordo...guardi che io a quattordici anni stavo già in campeggio a X...pensi a quanto ero autonomo io...

I: e questa è stata la prima volta che si è separato da sua madre?

A: penso di si penso di si è stata la prima volta...perchè pensi mia madre che tipo è...non mi voleva comprare il motorino...io faccio il compleanno il X...era il X (giorno prima)e sapevo che dopo due giorni il negozio dei motorini chiudeva per un periodo...io volevo assolutamente il motorino...mia madre no no no no no...il giorno prima allora anzi no proprio il giorno del mio compleanno e io ero nero perchè sapevo che dopo due giorni il negozio chiudeva...squilla il telefono fa...non so se lei conosce il quartiere X via X...

I: non la conosco

A: vabbè fa senti perchè non vieni in via X perchè mi si è fermata la macchina? Io c'avevo quattordici anni ho fatto e che so un meccanico...dai vieni ad aiutamme vieni a darme na spinta...ho fatto vabbè vengo...ho preso ho riattaccato ho preso l'autobus quattro cinque fermate d'autobus so sceso e ho visto la macchina parcheggiata davanti al negozio e di dietro ce stava un motorino...no io shockato capito?...ho detto che te sé fermata la macchina? Me fa non te sei accorto de niente? Allora quello lì l'ha preso e me l'ha portato e ha fatto che è lui suo figlio e m'ha dato il motorino ecco il motorino...io lì ho fatto m'hai comprato il motorino? So rimasto come un cretino sono rimasto cioè lì hai capito...perchè mia madre ha detto tanto te ce vai lo stesso con gli amici tua allora preferisco che ce l'hai tu il motorino...e m'aveva comprato il motorino nuovo di zecca...

 

 

 

 

                           BIBLIOGRAFIA


Main M., Goldwyn R. (1994) Adult Attachment scoring and classification systems, University of California Press, Berkeley.

 

 

 


                                        Massimo Guido 
                                    Medico Psichiatra Az. U.S. L. Roma F
                                    Psicologo Clinico
                             Psicoanalista S.P.I. e I.P.A.

 

© 2013